Che cos’è laPsicomotricità

La psicomotricità da noi praticata ha origine dal fondatore della PRATICA PSICOMOTORIA EDUCATIVA, PREVENTIVA E DI AIUTO, B. AUCOUTURIER (Presidente delle scuole di formazione europee degli psicomotricisti e teorico della Pratica Psicomotoria)

La psicomotricità è un concetto di sviluppo psicologico che si riferisce alla struttura somatopsichica dell’essere umano in relazione con il mondo esterno. La psicomotricità è un invito a comprendere ciò che il bambino esprime del suo mondo interno attraverso il movimento. E’ un invito a cogliere il senso dei suoi comportamenti in uno spazio rassicurante in cui il bambino mette in campo la sua storia, le sue caratteristiche, la sua fisicità attraverso il gioco e la relazione.

Il piacere senso motorio accompagnerà il bambino nelle varie esperienze di gioco quali rotolare, scivolare, saltare, dondolare, cercare l’equilibrio e poi il disequilibrio, trascinarsi, e ancora riunire e disperdere, vuotare e riempire, apparire e sparire e cosi via fino al gioco simbolico in cui prevale “il far finta di…”.

La psicomotricità è aperta a tutti i bambini di età compresa tra gli 8 mesi circa ( quando sono in grado di muoversi o gattonare) fino a circa gli 8 anni.

I bambini sono suddivisi in piccoli gruppi omogenei per fasce di età ed è prevista la figura di un genitore fino ai 3 anni circa o fino a quando il bambino ne sentirà il bisogno.

 

 

Lo Psicomotricista

Lo Psicomotricista è il professionista che possiede una formazione teorica e pratica nell’area dello sviluppo infantile e più specificamente nell’ambito della pedagogia, delle dinamiche del gioco e delle categorie psicomotorie dell’azione, dell’interazione, del tono, della postura.

Possiede altresì una formazione personale nella comunicazione non verbale e tonico-emozionale.

E’ specificamente formato nell’osservazione e nella metodologia di conduzione psicomotoria dei gruppi, possedendo una formazione corporea che gli consente di utilizzare la dinamica corporea come strumento d’integrazione delle funzioni mentali e delle relazioni interpersonali.

Svolge con titolarità e autonomia professionale interventi psicomotori in ambito socioeducativo, diretti a sviluppare la capacità di base del bambino e a promuovere il benessere e la salute, armonizzando lo sviluppo della personalità, attraverso la dinamica del gioco psicomotorio e favorendo la prevenzione del disagio infantile.

Progetta e realizza programmi di intervento volti alla promozione del benessere e alla prevenzione primaria del rischio, in particolar modo per i soggetti in età evolutiva e per le loro famiglie all’interno di percorsi di supporto alla genitorialità.

Collabora con educatori, insegnanti, pedagogisti,professionisti delle Aziende Sanitarie Locali e degli Enti pubblici e privati, che operano nella scuola e sul territorio.

To Top